Tour del Brasile in 10 giorni

Innanzitutto ringraziamo ancora una volta Doriana e Luca per averci ospitato nel loro blog, per noi è sempre un piacere poter condividere le nostre esperienze di viaggio. Questa volta vogliamo raccontarvi del nostro ultimo viaggio “express” in Brasile, che abbiamo condiviso con altri due amici di lunga data, Fabio e Tania.

Di seguito vi proponiamo le tappe del nostro straordinario tour in Brasile.

Tour del Brasile in 10 giorni: Ecco cosa si può fare

Il Brasile è un paese veramente immenso, grande quasi come tutta l’Europa, ed è quindi difficile riuscire a visitarlo in un’unica volta (o almeno per chi come noi non ha a disposizione più settimane consecutive di ferie). Per questo motivo non siamo riusciti a resistere ad un volo della TAP Portugal A/R per Rio De Janeiro a 380€.  Acquistato il biglietto, non restava altro che programmare il tour. Partenza il 19 Aprile e rientro il 1 Maggio.. 10 giorni interi a nostra disposizione.

Rio De Janeiro: 4 giorni/3 notti

La città non ha molte attrazioni da offrire ma è in grado di affascinarti con i suoi ritmi e i suoi panorami mozzafiato. La vista dal Corcovado poco dopo l’alba è meravigliosa, come quella dal Pan di Azucar al tramonto. Copacabana e Ipanema, sono tra le spiagge più movimentate al mondo, lo spirito carioca si percepisce nell’aria, ti cattura e ti fa innamorare di questo lungomare. La visita ad una delle tante “Comunidad”, o meglio conosciute come “Favelas”, è quasi obbligatoria, perché vi consentirà di capire realmente la città Rio de Janeiro. Tuttavia, non è proprio priva di rischi, pertanto, se non ve la sentite, lasciate stare. Per visitarle dovrete rigorosamente affidarvi a qualcuno del posto o ad un tour organizzato.

Non provate a farlo da soli, perché oltre a mettervi inutilmente in pericolo, non ci riuscireste. Le vie d’accesso sono tutte sorvegliate dalle gang del posto. Noi abbiamo scelto Santa Marta, una delle prime comunità ad essere pacificate. Qui, Michael Jackson girò il video del suo singolo “They don’t care about us” nel ’95, e ad accompagnarci c’era Junior, il nostro contatto a Rio, ed il suo amico Wendel. Con lui abbiamo organizzato anche i trasferimenti da/per l’aeroporto e la visita alle altre attrazioni della città.

Ma sono davvero sufficienti tre giorni per Rio de Janeiro?  Si e No, o meglio sono sufficienti per visitare tutte le attrazioni della città, ma vi accorgerete che 4-5 giorni è l’ideale per non rinunciare ad una passeggiata a Leblon, un giro in bicicletta sul lungomare di Botafogo o una giornata a Santa Teresa. E’ bello infatti vivere Rio come un vero carioca, alternando momenti di relax, tra capirinha e palleggi, alla visita delle attrazioni. In quasi tutti i tour organizzati, da cui prenderete spunto per organizzare il vostro, vi accorgerete che alla città vengono dedicati massimo 3 giorni, che è quello che abbiamo fatto noi, tuttavia ci sentiamo di consigliarvi almeno 4 notti perchè quando l’abbiamo lasciata le cose da fare erano ancora molte.

Cascate Iguazu: 3 giorni/2 notti:

Foz du Iguazu, è la città brasiliana di riferimento per visitare le cascate Iguazu, una delle 7 meraviglie del mondo naturale. E’ ben collegata con tutte le principali città brasiliane e, in particolare, da Rio de Janeiro ci sono almeno 4/5 voli giornalieri. Noi li abbiamo scelti in modo da avere a nostra disposizione almeno un giorno e mezzo e ci siamo affidati alla compagnia di bandiera GOL Airlines (www.voegol.com.br).

Le cascate si possono visitare sia dal lato brasiliano che dal lato argentino: per il primo avrete bisogno di circa 3 ore, quindi una mezza giornata, mentre per l’altro di una giornata intera. Noi vi consigliamo di visitare entrambi i lati, poiché offrono una prospettiva diversa di questa meraviglia della natura: da un lato, infatti, è più facile percepire la loro vastità, mentre dall’altro la loro potenza. Capirete cosa intendiamo dire quando le visiterete. Avendo i minuti contati, per i trasferimenti in ambo i lati, ci siamo affidati a Adilson, proprietario dell’agenzia PasseioTur (www.passeiotur.com.br), che ci sentiamo di consigliare per i prezzi competitivi ed il servizio altamente professionale.

Pantanal: 4 giorni/3 notti

Questa immensa palude alluvionale si estende per oltre 210mila Km2 tra Brasile, Bolivia e Paraguay. E’ una delle biodiversità più straordinarie del nostro pianeta ed uno degli ambiente più incontaminato e meno esplorato del Sud America, capace di ospitare la maggior concentrazione di fauna selvatica al mondo. In Brasile, il Pantanal, si estende negli stati del Mato Grosso ed i punti di accesso sono principalmente tre: Cuiabà, nel nord, Campo Grande, nel sud e Corumbà, al confine con la Bolivia. Noi abbiamo scelto di visitare il Pantanal do Norte atterrando così a Cuiabà. Da qui è poi necessario spostarsi verso Poconè, dove inizia la famosa “Transpantaneira”, 145km di strada sterrata che attraversa il Parco Nazionale del Pantanal Matogrossense fino ad arrivare a Porto Jofre, il punto d’imbarco dei “Jaguar Tour”.

Per visitare il parco servirebbero almeno 6-7 giorni, noi abbiamo concentrato tutto in 4 ed effettivamente si sono rivelati pochi, soprattutto se si vuole, come noi, effettuare l’escursione a Porto Jofre, che richiede da sola un giorno intero, e che sarebbe meglio spezzare con un pernottamento a metà strada. Ad ogni modo, noi abbiamo soggiornato all’ingresso del parco, alla Pousada Piuval (www.pousadapiuval.com.br) che ci sentiamo di consigliare non solo per l’ottimo rapporto qualità-prezzo, ma anche perché è in grado di fornire numerosi servizi extra come escursioni, trasferimenti ecc.. Per il Jaguar Tour a Porto Jofre invece ci siamo affidati ad Alex dell’agenzia Ocelot Nature Pantanal (ocelotnatur@hotmail.com). Professionale ed affidabile ci ha organizzato l’escursione nonostante le condizioni non fossero ottimali. A fine Aprile, infatti l’area presenta ancora diverse zone alluvionate, per questo motivo gli spostamenti non sono semplici ed è facile incorrere in imprevisti.

Se volete leggere altri racconti di Stefano e Sara, li trovate nella sezione Thailandia, dove ci hanno portato alla scoperta delle isole Surin!

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.