Pueblo Blancos Andalusia

Sulla Ruta de los Pueblos Blancos

Qualche anno fa abbiamo intrapreso un tour on the road dell’Andalusia. Premetto che siamo amanti della Spagna, ne amiamo i colori, i profumi, i sapori e il clima, soprattutto della Spagna del sud che è la parte che più abbiamo visitato. Inoltre, questo viaggio aveva per noi un significato speciale, era il primo vero viaggio che stavamo facendo assieme. Dopo qualche weekend nelle città europee, era arrivato il momento di organizzare un vero viaggio insieme, solo io e Luca.
Abbiamo deciso di realizzare un tour di dieci giorni durante il quale ci siamo fermati qualche giorno a Marbella. Questa piccola cittadina affacciata sul Mare Mediterraneo è stata la nostra base di partenza che ci ha portato alla scoperta dei famosi Pueblos Blancos.

I Pueblos Blancos si susseguono sulla Ruta de los Pueblos Blancos, una strada che conduce nell’entroterra di Cadiz. Rientrano sicuramente tra i must delle cose da vedere in Andalusia, soprattutto se si sta facendo un viaggio on the road.  Noi, avendo a disposizione solo due giorni da dedicare a questi paesini, abbiamo dovuto fare delle scelte e tra i tanti abbiamo scelto Ronda, Setenil de la Bodegas e Mijas. Scegliere tra i numerosi paesini che si susseguono lungo l’itinerario non è semplice, ciascuno di essi nasconde un fascino unico e ineguagliabile.
La scelta è ricaduta su questi tre paesi in quanto ciascuno di esso ha una propria particolarità e si distingue nettamente dagli altri. Avendo pochi giorni a disposizione, volevamo scoprire quanto più possibile di questi splendidi posti.

 

1. Ronda

 

Ronda

 

Abbiamo dedicato un’intera mattinata a Ronda, ultimo dei Pueblos Blancos sulla famosa Ruta. Ronda è arroccata sulla gola di El Tajo e costruita intorno IX secolo a.c.
Le principali attrazioni di Ronda sono sicuramente i suoi tre ponti che collegano le diverse parti della città. Ammirare la gola dall’alto è sicuramente un’esperienza affascinante e scattare qualche foto ricordo dal fondo della gola è una delle cose da non perdersi quando ci si reca a Ronda. Tuttavia questo Peublo Blanco non è solo questo. Innanzitutto, a differenza degli altri Pueblos Blancos, Ronda non è caratterizzata da edifici bianchi, bensì a caratterizzarla sono edifici di mattoni di un giallo ocra che la rendono ancora più affascinante. Durante la visita, da non perdere è la Ciudad, o anche chiamato il borgo arabo, nettamente separato dal resto della città più moderna. Meritano una visita anche il giardino d’acqua del Palacio Mondragón, la Plaza Duquesa de Parcent con il suo convento, le due chiese, il minareto convertito in campanile, l’Ayuntamiento e la porta dell’Almocabar del XIII secolo.
Ronda dista circa un’ora dalla Costa del Sol (guarda qui). Nonostante si trovi a una discreta altitudine, in estate fa molto caldo. Noi avevamo programmato la nostra visita in una mattina di agosto e avevamo sofferto parecchio il caldo.

 

2. Setenil de la Bodegas

 

Pueblos Blancos Andalusia

Setenil de la Bodegas

 

Forse uno dei Pueblos Blancos più particolari. Incastonato letteralmente nelle rocce, questo piccolo paesino vanta un fascino unico nel suo genere.
Il paese conta poco più di 3.000 abitanti e non c’è molto da vedere, ma vi assicuro che merita assolutamente di essere visitato almeno una volta nella vita. Quando vi ricapiterà di vedere case completamente costruite nella roccia? Infatti, le case costruite al di sotto delle rocce sporgenti sono costituite da mura di mattoni e cemento per quanto riguarda la parte esterna, mentre si avvalgono delle pareti rocciose per quanto riguarda la parte interna. Diversamente invece è per le case costruite al di sopra delle rocce, le quali sono costruite interamente in mattoni e cemento.
Vi troverete a passeggiare per questo paesino passando sotto immense rocce che a un primo impatto vi sembrerà vi stiamo cadendo addosso.

 

Pueblos Blancos Andalusia

Setenil de la Bodegas


Oltre alla visita del borgo e alla passeggiata tra le viuzze e, perchè no, un buon pasto tipico andaluso o un bicchiere di tinto di verano rinfrescante in una bottega del paese, potrete visitare anche le innumerevoli chiese dislocate  qua e là per il paesino.

Setenil de la Bodegas dista da Marbella circa un’ora e mezza (guarda qui).

 

3. Mijas

 

Pueblos Blancos in Andalusia

Centro di Mijas

 

Infine Mijas, piccola perla affacciata sul mare, a circa 30 chilometri da Malaga è forse uno dei piccoli Pueblos Blancos più apprezzato dai turisti stranieri. Costruita anch’essa su un’altura, vanta una terrazza con un panorama da mozzare il fiato e proprio su questa terrazza si erge il piccolo santuario della Vergine delle Rocce in cui i fedeli si riversano per pregare. Questa cappella è stata scavata nella roccia dal frate Diego de Jesùs, Maria y San Pablo nel 1548. Entrare è d’obbligo, anche solo per ammirare l’immagine della patrona di Mijas.

 

Pueblos blancos

Interno del Santuario della Vergine delle Rocce

 

Questo caratteristico Pueblo Blanco racchiude al suo interno tutte le bellezze che questi paesini possano avere. Strette e ripide viuzze si dislocano lungo il centro, costeggiate da tante piccole botteghe gastronomiche di artigianato che richiamano frotte di turisti che si accingono ad acquistare piccoli souvenir andalusi. Inoltre, potrete assistere a un servizio di taxi alquanto inusuale: i burro taxi, che altro non sono che gli asino-taxi. Questa stravagante tipologia di taxi deve addirittura superare una revisione annuale per poter circolare sulle strade del paese.

Dei tre Pueblos Blancos che abbiamo deciso di visitare, Mijas è l’unico davvero bianco. Sorge su un’altura ed è costituito da numerose casette imbiancate a calce per combattere l’afa e la calura dei mesi estivi. Sui davanzali e sui piccoli balconi si vedono strabordare fiori di gerani di colori accesi che rendono ancora più incantevole un paesino in cui il tempo pare essersi fermato.

Mijas dista da Marbella meno di mezz’ora (guarda qui).

 

Pueblos Blancos in Andalusia

Veduta su Mijas

 

Consigli per visitare i Pueblos Blancos

 

  1. Sicuramente è consigliabile noleggiare un auto per raggiungere i diversi paesini che sono dislocati lungo la famosa Ruta de los Pueblos Blancos. Noi ne avevamo noleggiata una per sette giorni con Rental Cars. Per raggiungerli, la città più comoda come punto di appoggio è Malaga, tuttavia anche Marbella può andare bene. Noi avevamo optato per il pernottamento proprio in quest’ultima perché, leggendo le descrizioni trovate sui vari blog e sulle guide turistiche, ci eravamo innamorati di questa piccola perla. Marbella è un ottimo punto di appoggio per visitare i Pueblos Blancos e per concedersi qualche giorno di relax al mare. La sera, il centro storico è animato da numerosissimi bar e ristoranti e piccoli negozi che vendono artigianato e abbigliamento
  2. Quando andare? L’Andalusia è favolosa in tutti i periodi dell’anno. In genere si sconsigliano i mesi di luglio ed agosto in quanto caldi e torridi. Nonostante queste raccomandazioni, noi eravamo stati in Andalusia proprio nell’agosto del 2014 ed eravamo stati fortunati perché quell’estate non era stata particolarmente calda. Sicuramente la primavera è il periodo maggiormente consigliato, ma se avete la possibilità di andare solo ad agosto, allora non scoraggiatevi, ne vale assolutamente la pena.
  3. Aeroporto: noi, quando abbiamo visitato i Pueblos Blancos, avevamo intrapreso un viaggio on the road di tutta l’Andalusia, toccando numerose tappe. Partenza per Siviglia, con volo Ryanair, per poi fare un tour circolare che toccava Cordoba, Granada, Malaga, Marbella, Gibilterra, Tarifa, Jerez e infine nuovamente Siviglia. Quindi avendo fatto questo tour, noi abbiamo volato sia andata che ritorno su Siviglia. Se si hanno pochi giorni però si può optare per un tour che non sia circolare, arrivando su Siviglia e ripartendo da Malaga. Oppure se si vuole fare solo il sud dell’Andalusia e andare a vedere i Pueblos Blancos, allora, sicuramente l’aeroporto più vicino a questi paesini è Malaga.

 

L’Andalusia ci ha letteralmente rapito il cuore e speriamo di tornarci presto! La visita ai Pueblos Blancos è stata una delle parti del viaggio che più ci è piaciuta! Se avete in programma un viaggio in questa fantastica terra… non potete non inserire questi paesini tra le vostre tappe!!!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.