Isole Surin – Fai da te o tour organizzato?

Con il terzo e ultimo post sulle Isole Surin, Sara e Stefano ci danno qualche spunto in più su come organizzare il viaggio in queste splendide isole. Se però la vostra prima domanda è: come arrivare alle Isole Surin, allora non potete perdervi questo post!

Non è facile rispondere alla domanda “Fai da te o tour organizzato?”, perché, per la prima volta, non abbiamo riscontrato grandi scostamenti in termini di prezzo tra le due opzioni e persino la Lonley Planet suggerisce di affidarsi ad agenzie locali. Tutto però dipende dal periodo e dai giorni che si intende trascorrere sull’isola. Diciamo che più il pernottamento è lungo, più conviene la formula del “fai da te”, senza però dimenticare che in alta stagione è preferibile prenotare con largo anticipo, e che non è facile farlo autonomamente quando si ha a che fare con un ente governativo. Tutte le richieste di soggiorno sull’isola sono infatti gestite dal governo Thailandese (www.dnp.go.th). Insomma la risposta non è quindi così scontata.

Ma veniamo alla nostra esperienza.. Noi, essendo solo in due e avendo a disposizione solo 3 giorni, abbiamo optato per il tour organizzato “3 days 2 night in a tent camp” al costo di circa 180€ a persona (6300 bath), affidandoci all’agenzia “The Guide (Thailand) Co.” (www.phuketeasytour.com), anche se poi il tour è stato a tutti gli effetti organizzato e gestito da “Sea Star”.  Abbiamo scelto questa formula perchè, analizzando ogni singolo costo, la differenza rispetto al “fai da te” non era poi così marcata…

Ma vediamo perché:

  1. costo trasferimento privato Phuket – Baan Nam Pier: 5000B A/R per auto (2500B a persona nel nostro caso);
  2. costo trasferimento in speed boat: 1700B A/R a persona;
  3. tassa governativa d’ingresso al parco marino: 500B a persona;
  4. costo giornaliero tenda (max 2 persone) comprensivo di sacco a pelo, asciugamano e cuscino: 420B; ù
  5. costo escursioni in barca: 200B ad uscita (nel tour organizzato sono incluse 2 uscite giornaliere a persona per un totale di 4 uscite);
  6. vitto:  diciamo sui 100B a pasto (circa 300B a persona al giorno)…

RAPIDO CALCOLO… 3 giorni 2 notti.. oltre 6000 Bath. Ovviamente per noi, l’impatto maggiore era rappresentato dal costo del trasferimento da Phuket alle isole, che non potevamo limare. Ad ogni modo, abbiamo preferito darvi evidenza di tutti i costi per consentirvi una vostra personale valutazione.

Isole Surin – Tenda o Bungalow?

http://daestaovest.com/isole-surin-un-tesoro-nascosto%ef%bb%bf/

Preparatevi a passare la notte in bianco, ad alzarvi tutti indolenziti e a maledire la vita da campeggio. Ma preparatevi anche a rimanere ammaliati quando, aperta la zip della vostra tenda, a darvi il buongiorno ci penserà un fievole raggio di sole, il fruscio delle onde e un panorama mozzafiato. Questo è quello che vi aspetta se scegliete, come noi, di vivere le Surin in tenda. Rinunciare alle comodità, per accontentarsi di un misero materassino, spesso poco più di una stuoia, un cuscino, un sacco a pelo e un asciugamano, per vivere un’esperienza unica. Perché le Surin sono così: selvagge ed incontaminate, scomode ma meravigliose al tempo stesso.

http://daestaovest.com/isole-surin-un-tesoro-nascosto%ef%bb%bf/

Il bungalow, per sua conformazione,dovrebbe, in teoria, offrire un comfort maggiore, ma, in realtà, le strutture presenti sono piuttosto datate, costose (2000B a notte) e al limite dell’accettabile in termini di pulizia, il che spinge la maggioranza dei visitatori a prediligere la tenda. All’inizio anche noi eravamo indecisi sulla scelta, più che altro perché i bungalow hanno il bagno privato e questa è una delle poche condizioni a cui difficilmente rinunciamo. Con il senno di poi, vi assicuriamo che la tenda è stata la scelta migliore, anche perché i servizi comuni sono più che accettabili. Ad ogni modo, quando siamo stati noi, erano in corso diverse opere di ristrutturazione che ci fanno ben sperare che presto i bungalow saranno rimessi a nuovo. Detto ciò, noi siamo rimasti comunque molto contenti della scelta effettuata e ci sentiamo di consigliarla a tutti.

Isole Surin – Cosa mettere in valigia?

L’idea di trascorrere due notti in tenda ci ha fin da subito affascinato ma allo stesso tempo fatto sorgere molti dubbi, primo su tutti: “cosa dobbiamo mettere in valigia?”. Così prima di partire abbiamo cercato on-line quante più informazioni possibili, senza però troppo successo. Abbiamo quindi pensato di concludere questo post dedicando un po’ di spazio a questo argomento.

http://daestaovest.com/isole-surin-un-tesoro-nascosto%ef%bb%bf/

Allora, in dotazione viene fornito un solo asciugamano, perciò avrete bisogno di uno aggiuntivo per le escursioni, pertanto portarne due sarebbe l’ideale. In tenda avrete poi il materassino ed il sacco a pelo, nessun lenzuolo. Noi ne abbiamo portato uno e dobbiamo ammettere che ci è servito, perché i sacchi a pelo li abbiamo utilizzati per creare un maggior spessore sotto la schiena. Se rimanete per più di due notti avrete anche bisogno del materassino, altrimenti finirete per maledire l’isola. Se optate per il tour organizzato, pinne e maschera sono incluse, ma possono anche essere noleggiate in loco (40B/giorno). Noi avevamo le nostre ma dobbiamo ammettere che quelle fornite erano in ottime condizioni, quindi se volete potete tranquillamente lasciarle a casa.

http://daestaovest.com/isole-surin-un-tesoro-nascosto%ef%bb%bf/

Per quanto riguarda il cibo, i pasti non sono abbondanti ma comunque giusti. Se tuttavia avete paura di patire la fame potreste portarvi qualcosa da mangiare, ma fate attenzione che sia ben confezionato poiché rischiereste di trovarvi una colonia di animali nella tenda. Il nostro consiglio è quindi quello di mangiare sempre nei luoghi comuni e mai vicino alla tenda. Non avrete problemi per quanto riguarda le bevande, potete prendere delle bottiglie d’acqua aggiuntive durante i pasti, o in alternativa acquistarle. Ovviamente scordatevi il set di cortesia. Per lavarvi avrete bisogno di tutto, acqua esclusa. E poi: fazzoletti, spray anti-zanzare, crema solare, una torcia, la corrente c’è solo dalle 18 alle 22 e nei soli spazi comuni. Noi ci siamo portati anche le carte.

Sappiate comunque che c’è un piccolo spaccio dove si possono acquistare i beni di prima necessità.

fai da te o tour organizzato?

Che altro? un buon libro, se siete amanti della lettura, la power bank, se preferite invece guardarvi un film sul cellulare. In termini di abbigliamento, invece, avrete veramente bisogno del minimo indispensabile, considerate che passerete la maggior parte del tempo in costume (per avere qualche info in più su cosa fare sulle Isole Surin, leggi anche il post dedicato). Infine non può assolutamente mancare nella vostra valigia la fotocamera subacquea.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.