Cosa vedere a Marrakech

Marrakech: tre giorni alla scoperta della città rossa

Il Marocco era da sempre sulla mia lista dei desideri. Ogni volta rimandavo il viaggio in questo paese per altre mete più lontane e più esotiche, ma questa volta, complice il lungo ponte pasquale, siamo riusciti a organizzare un viaggio alla scoperta di questo magico paese.

Cosa vedere a Marrakech

Il nostro viaggio on the road parte proprio da qui, dalla città rossa. La più importante delle quattro città imperiali è anche, a mio avviso, la più affascinante. Una città ricca di contrasti, di colori, di profumi e di suggestioni che sono rimaste immutate nel tempo. Il fascino della città rossa è forse attribuibile alla fusione della cultura araba con quella andalusa. Sta di fatto che Marrakech ti rapisce il cuore e ti porta alla scoperta di un mondo che pare essersi fermato a cinquant’anni fa, dove uomini con i carretti si fanno strada tra i vicoli strettissimi della Medina urlando “aihtimam” (attenzione!), signori d’altri tempi tirano muli carichi di merci, signore con il velo e gli occhi neri e profondi fanno acquisti nelle botteghe di spezie e bambini di tutte le età giocano a palla nelle strade laterali dei souk.

Cosa vedere a Marrakech
Bambini nel Mallah

In questo breve post vi portiamo alla scoperta delle cose da vedere in tre giorni a Marrakech. Dalla Medina ai Giardini Majorelle, alla piazza Jemaa el-Fna e ad altre zone e posti meno famosi.

Cosa vedere a Marrakech: Giorno 1

Medersa di Ali ben Youssef

La Lonely inserisce tra i must-see di Marrakech la Medersa di Ali ben Youssef. Un palazzo bellissimo che all’interno ospitava la scuola coranica. Decidiamo che questa sarà la prima tappa della nostra prima giornata a Marrakech. Peccato che dopo lungo vagare nei vicoli stretti della Medina arriviamo davanti alla porta del palazzo e la troviamo chiusa per ristrutturazione. Chiediamo ai passanti e ci dicono che sono ben due anni che il palazzo è chiuso per ristrutturazione! Quindi non fate il nostro errore. Prima di dirigervi verso il palazzo, chiedete alla reception del vostro hotel se il Medersa è aperto o meno.

I Souk

Ci concediamo un’intera mattinata in giro per i souk del centro della Medina. I negozi aprono abbastanza tardi, la guida dice alle 9.30 ma in realtà fino alle 10.30 non c’è molto movimento.
Regola fondamentale dei souk è contrattare! Provate a chiedere meno della metà del prezzo che vi propongono… perchè a volte partono proprio da prezzi elevatissimi!

Cosa vedere a Marrakech

Un consiglio che vogliamo darvi è quello di decidere in anticipo quante ore volete trascorrere in questo quartiere, perchè in realtà si potrebbero passare ore e ore senza mai stancarsi… una via più bella dell’altra. Il tempo passa senza nemmeno accorgersene e si rischia di trascorrere l’intera giornata tra i souk senza poi riuscire a vedere il resto della città.
Concedetevi una pausa in una delle tante terrazze di Rahba Kedima, la piazza che racchiude il souk delle spezie. Qui avrete l’imbarazzo della scelta. La terrazza più famosa è certamente il Cafè des especies ma non è facile trovare un posto sulla terrazza. Lì vicino cìè anche Nomad che sicuramente merita una sosta.

Cosa fare assolutamente nei souk?

Cosa vedere a Marrakech
  1. Visitare il souk des tinteures e farsi spiegare come avviene la lavorazione della lana e del cotone. Noi qui abbiamo comprato una pashmina carinissima.
  2. Osservare gli artigiani al lavoro e se volete acquistare qualcosa dai falegnami chiedete di farvelo al momento. Noi volevamo un cucchiaino per il miele più piccolo della misura standard e ce lo hanno fatto sul momento. Un’esperienza davvero interessante!
  3. Osservare le donne che lavorano le spezie. Proprio vicino al souk des tinteures si trova anche quello delle spezie e in particolare la zona di lavorazione. qui troverete anche le donne che producono l’olio di argan, lavoro prettamente femminile.
  4. Visitare i famosi Funduq: un tempo luogo di rifugio per i commercianti che arrivavano dall’Arabia o dall’Africa centrale con i cammelli carichi di merci, oggi delle aree artigianali dove si possono trovare tanti prodotti tipici, dalle spezie, ai saponi, alle stoffe.
Cosa vedere a Marrakech

Le Jardin Secret

Proseguite verso le Jardin secret. Un’oasi di pace dove potersi rigenerare dal trambusto dei souk. Noi abbiamo adorato questo giardino. Piante tropicali, piante grasse, siepi di rosmarino e lavanda ovunque. davvero molto bello! Ci siamo poi rilassati all’ombra di un ombrellone sulla terrazza panoramica del giardino.

Cosa vedere a Marrakech

Moschea della Kutubiyya 

Cosa vedere a Marrakech

Ci dirigiamo verso la piazza centrale dove osserviamo gli incantatori di serpenti, i venditori ambulanti, le ragazze che dipingono con l’henné e tutto ciò che questa piazza ha da offrire! Non ci soffermiamo a lungo. Torneremo qui per l’ora del tramonto, quando la piazza si anima e dà il suo meglio.

Da qui si prosegue verso la Moschea della Kutubiyya che, come gran parte dei siti musulmani, non è accessibile alle persone non musulmane. Ci accontentiamo di ammirarla dall’esterno. Facciamo qualche foto sotto il minareto e poi ci avviamo verso i palazzi imperiali.

Cosa vedere a Marrakech

Palazzo El Bahia e Palazzo El Badii

Due palazzi assolutamente da non perdere a Marrakech sono Palazzo el Bahia e Palazzo el Badii. Entrambe i palazzi si trovano a sud della città nella zona dea Kashba. Però ahimè noi siamo stati super sfortunati. Infatti, troviamo entrambi i palazzi chiusi per tutta la durata della nostra partenza a Marrakech a causa di un evento privato. Amareggiati ci diciamo che questa è una buona ragione che ci farà tornare in questa splendida città.

Il quartiere ebraico

Cosa vedere a Marrakech

Capitiamo in questo quartiere quasi per caso. Sia i post che avevamo letto che la guida non davano grande risalto a questa zona della città. Ci troviamo qui perché il palazzo El Bahia è chiuso e visto che ormai ci siamo spinti fino qui a piedi dalla Medina, decidiamo di dare un’occhiata a questa zona. Le viuzze del Mellah (nome del quartiere ebraico) ci incantano con il loro aspetto trasandato color rosso terra del Marocco. Concludiamo il giro visitando la sinagoga e il cimitero ebraico, il più grande del Marocco.

Il cimitero ebraico

A parte questi due luoghi di culto, in questo quartiere non c’è qualcosa di davvero specifico da vedere, però la cosa bella da fare è perdersi per le vie del mellah quasi disabitato dove incontrerete qualche signora che vende della frutta o dei bambini che giocano a rincorrersi. Il quartiere è completamente circondato da mura a cui si accede dalle porte che in passato venivano chiuse durante la notte. Appena fuori dalle vie tortuose e strette questo quartiere abbiamo visitato un altro souk, il souk del mellah anche questo ricco di spezie e prodotti artigianali tipici. Un piacere per la vista e per l’olfatto!

Jemaa el-Fna

La PIazza Jemaa Elfna

Sono ormai le 17.00 e ci avviamo nuovamente verso la piazza Jemaa el fna. Iniziano ad essere montate le bancarelle di street food. Questa sera ceneremo proprio qui. Ma prima di cena decidiamo di salire sulla terrazza del Grand Balcon du Café Glacier. Una vista sulla piazza unica, suggestiva, che fa adorare ancora di più questa città. Tuttavia questo locale ha diverse note stonate. Dal modo a dir poco burbero dei camerieri nell’accoglierci, alla modalità di servizio. Ci si serve da soli da un frigo, si paga alla cassa e solo dopo si può accedere alla terrazza. Non è detto che ci sia posto a sedere né vicino alla ringhiera per avere la veduta migliore, né all’interno della terrazza. Nonostante questo, due euro per un’aranciata sono spesi benissimo. La vista è fantastica. Secondo noi la vista più bella sulla piazza!

Cosa vedere a Marrakech: Giorno 2

Giardini Majorelle e museo di Yves Saint Laurant

Cosa vedere a Marrakech

Il giorno seguente decidiamo di dedicare la mattinata al Jardin Majorelle. Il giardino è stato il dono che lo stilista ha fatto alla sua amata Matrakech. Il giardino si sviluppa tutto attorno alla villa blu elettrico di Majorelle che fu poi comprata da YSL. Oggi racchiude specie di piante derivanti da tutti e 5 i continenti. Un tripudio di colori, piante e fiori di ogni tipo vi salveranno dalla calura della città.

Cosa vedere a Marrakech

Non so perchè in nessun post che ho letto prima di partire si dicesse della fila chilometrica per l’acquisto del biglietto!
Una possibilità per evitare la fila è quella di andare prima al museo di YSL solo per acquistare il biglietto così da saltare l’intera fila del Jardin Majorelle. Noi purtroppo non l’abbiamo fatto, ma abbiamo letto che in questo modo si evita la lunga ora di fila perchè al museo YSL c’è poca gente alla cassa.

Cosa vedere a Marrakech

Una volta visitato il giardino, se avete acquistato anche il biglietto per il museo di YSL, uscite dal giardino e dirigetevi verso il museo. Qui dovrete fare nuovamente la fila se il museo è troppo pieno, in attesa che qualcuno esca. Le file sono completamente al sole e fa davvero molto caldo. Tuttavia, a mio avviso, il museo di YSL, seppur piccolo, merita una visita. Ha un’esposizione di abiti e accessori davvero fantastica.

Tombe Saadiane

Cosa vedere a Marrakech

Le tombe saadiane sono a sud della città nella zona della Kasbah. Per raggiungerle dal Jardin Majorelle abbiamo preso un taxi che, contrattando, ci ha portati per 80 dirham. Anche qui all’interno delle tombe c’è una fila lunghissima per vedere la tomba più famosa e tutta la fila si fa sotto il sole cocente. Nonostante questo, le decorazioni delle tombe sono meravigliose ed è un peccato perdersele.

Cosa fare a Marrakech: giorno 3

Un pomeriggio in un Hammam

Infine, un’esperienza da non perdere in Marocco è un pomeriggio in un Hammam. Noi avevamo prenotato dall’Italia al Bains des Orients, hamman fantastica situata nella Medina. I prezzi non sono bassissimi (50 euro a persona per scrub totale e 50 minuti di massaggio marocchino), ma ne vale davvero la pena. L’hammam è intimo, pulito e le ragazze sono bravissime. L’esperienza del bagno e dello scrub è stata eccezionale. Se preferite qualcosa di più tradizionale, potete optare per les bains public. Qui però l’accesso uomo/donna è consentito in momenti della giornata diversi.

Cosa vedere a Marrakech

Jardin Menara e Museo della fotografia

Dato che i due palazzi imperiali erano chiusi, abbiamo dovuto ripiegare su altre due attrattive: il museo della fotografia, indicato sulla lonely come must-see a Marrakech e in effetti per gli amanti delle foto d’epoca come me è una tappa al quanto interessante.

Cosa vedere a Marrakech

Il giardino Menara è appena fuori città ma raggiungibile con una bella camminata di 40 minuti dalla Medina oppure con una corsa in taxi. Questo giardino molto grande, più che un giardino è un parco. Qui i marocchini si incontrano per lunghi pic nic e per fuggire dal caos della città. Non è una tappa molto usuale per chi si ferma a Marrakech per pochi giorni, infatti abbiamo incontrato più che altro marocchini e gruppi di turisti che viaggiavano in pullman.

Qualche consiglio

Riad Oum Ellkhir 
  1. Hotel: il consiglio che posso darvi è quello di soggiornare nella Medina e di optare per un Riad, in modo tale da assaporare il più possibile l’atmosfera magica che solo questa città può darvi. Evitate gli hotel anonimi e pernottare in un Riad ristrutturato, non ve ne pentirete!
  2. Come spostarsi a Marrakech
    All’interno delle città di Marrakech abbiamo optato per girare a piedi e proprio quando le distanze erano troppo ampie abbiamo usato i petit taxi e le grand taxi per gli spostamenti più lunghi. I prezzi dei taxi sono più alti di quanto mi aspettassi, ma comunque abbastanza convenienti. Ricordate la parola d’ordine: contrattate!
Cosa vedere a Marrakech

Sono felice di essere riuscita a visitare questa città magica. Me la porterò sempre nel cuore e sono sicura che questo è stato solo un primo incontro e che presto tornerò a farle visita!

à bientôt Marrakech!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.