cosa vedere a Bolgheri

Bolgheri: cantine, vino e paesaggi incantevoli

Ogni anno Luca ed io visitiamo almeno una cantina e acquistiamo almeno tre vini rossi da conservare nella nostra cantinetta per degustarli in occasioni per noi speciali. E’ questa una nostra tradizione che ci porta alla scoperta di luoghi bellissimi e cantine davvero molto interessanti.

Quest’anno è stata la volta di Bolgheri. Tra i vari vini italiani, quest’anno ci siamo focalizzati sul Bolgheri Superiore e abbiamo cercato tra le varie cantine quella che faceva al caso nostro. Tra le tantissime cantine di questo territorio straordinario abbiamo iniziato a selezionarne alcune sulla base dei premi ricevuti ed in particolare abbiamo guardato quali vini avessero ricevuto i tre bicchieri del Gambero Rosso.

Abbiamo iniziato a chiamare alcune cantine, ma molte di esse al sabato sono chiuse e quindi abbiamo dovuto scartarle. Alla fine, siamo approdati sulla Cantina Donna Olimpia 1898, una cantina della famiglia Folonari e che dal 2001 ha iniziato un progetto enologico davvero molto ambizioso e dal 2005 produce eccellenti vini della tradizione bolgherese.

 

cosa vedere a Bolgheri

 

La cantina

Appuntamento per la visita alle ore 10.30 di sabato mattina. Siamo un bel gruppetto. Oltre a noi, ci sono due coppie di somelier e un gruppo di cinque ragazzi svizzeri amanti dei vini di questa zona della Toscana. La visita dura circa un’oretta, dove la nostra guida ci porta alla scoperta della cantina, della storia della famiglia e della storia del territorio di Bolgheri, per poi proseguire con la degustazione. Degustiamo sei diversi vini di Donna Olimpia. Due vini base, l’Obizzo – un vermentino in purezza – e il Tageto, entrambi IGT che si lasciano bere con molta semplicità. I due Donna Olimpia 1989, un Bolgheri DOC rosso e uno DOC bianco, che rappresentano l’azienda nella sua interezza. Infine, il nuovissimo prodotto dell’azienda che è il Campo alla Giostra anche questo un bolgheri DOC Cabernet Sauvignon in purezza e, il nostro preferito, il Millepassi. Quest’ultimo è il Bolgheri Superiore di questa cantina, il prodotto d’eccellenza di Donna Olimpia 1898. Il Millepassi ci piace tantissimo e ne acquistiamo ben tre bottiglie.

 

cosa vedere a Bolgheri

 

La visita alla cantina si conclude e ci dirigiamo verso Bolgheri per il pranzo.

 

Bolgheri

Dalla cantina ci dirigiamo verso il centro storico di Bolgheri. Attraversiamo il famosissimo viale dei cipressi, molte volte citato dal Carducci e a cui dedica anche una poesia (Davanti a San Guido). Percorriamo il viale affascinati dal paesaggio circostante, superiamo la tenuta di San Guido in cui oggi si produce il famosissimo Sassicaia ed arriviamo davanti al bellissimo ingresso di Bolgheri. Una torre del castello con le sue mura che circondano il piccolissimo borgo.

 

cosa vedere a Bolgheri

 

Parcheggiamo l’auto e proseguiamo a piedi. L’interno delle mura ci catapulta in una fiaba. Tutto è al suo posto, tutto è ordinato. La piazzetta è animata da una decina di anziani che chiaccherano allegramente, le botteghe offrono qualsiasi prodotto toscano e bolgherese che possiate desiderare e ci sono tantissime enoteche e ristorantini in cui assaggiare qualche prelibatezza.

Noi scegliamo l’Enoteca Tognoni (qui), un’istituzione da queste parti. Avevamo letto alcune recensioni su Tripadvisor e poi ci è stata consigliata sia dai somelier che hanno visitato la cantina con noi che dalla stessa guida di Donna Olimpia.

 

cosa vedere a Bolgheri

 

Entriamo e subito restiamo colpiti dalla quantità di bottiglie di vino sugli scaffali. Il paradiso per gli amanti dei vini. Il cameriere ci fa accomodare e ci mostra il menu, mentre per il vino non esiste una carta dei vini, ma bisogna sceglierselo direttamente dagli scaffali. Scegliamo un vino Bolgeri DOC Le Macchiole. Ci lasciamo attirare dal classico antipasto toscano e da due primi: un piatto di tagliolini al ragù di chianina e un piatto di ravioli con ripieno d’anatra… semplicemente sublimi.

 

cosa vedere a Bolgheri

 

La strada dei vini

Terminiamo il nostro pranzo e visitiamo il borgo di Bolgheri che è davvero piccolino e quindi impieghiamo solo una mezz’oretta per vederlo tutto. Ci rimettiamo in auto che sono ormai le 16.00 e decidiamo di percorrere la strada dei vini di Bolgheri. Lungo il viale dei cipressi svoltiamo a sinistra, seguendo le indicazioni, e iniziamo a percorrere una strada totalmente immersa nelle vigne e ammiriamo tutte le cantine di Bolgheri più famose.

 

cosa vedere a Bolgheri

 

Così termina la nostra giornata alla scoperta di questo territorio bellissimo. Avremmo voluto visitare anche Castagneto Carducci, ma in un’unica giornata proprio non ce n’è stato il tempo, ma certamente è un’ottima scusa per tornare nel territorio bolgherese e scoprire un’altra cantina e i sui eccellenti vini!

 

cosa vedere a Bolgheri

12 commenti
  1. ingrid Mestrinaro
    ingrid Mestrinaro dice:

    Un tema che ultimamente mi interessa molto, anche dal punto di vista professionale. Ho scoperto alcune cantine progettate da Archistar e sono dei veri gioiellini architettonici, oltre che per la produzione dei fantastici vini. Bolgheri comunque una garanzia in materia!

    Rispondi
    • Doriana
      Doriana dice:

      Se ti piacciono le strutture architettoniche delle cantine, devi assolutamente visitare quella di Antinori vicino Firenze. Top!!!

      Rispondi
  2. Elena
    Elena dice:

    A Bolgheri ci sono stata proprio quest’estate, come gita culturale nel bel mezzo di una vacanza al mare con i miei nipotini! Ne ho un bellissimo ricordo (non fosse che la sera stessa il mio nipotino piu piccolo si è rotto un braccio cadendo dall’altalena!), specialmente del lungo viale di cipressi. Unire il bel panorama con un buon bicchiere di vino, però, non dev’essere stato niente male! Bravi!

    Rispondi
  3. Simon
    Simon dice:

    Ultimamente comincio anche io ad appassionarmi sempre più alle cantine e al vino. Fino ad ora bevevo solo quello fatto in casa da mio nonno invece! 😉

    Rispondi
    • Doriana
      Doriana dice:

      noi adoriamo i vini italiani… soprattutto i rossi. I nostri nonni hanno sempre fatto il vino, ma diciamo che queste cantine propongono prodotti leggermente diversi … 😉

      Rispondi
  4. Federica
    Federica dice:

    Sono un’appassuonata di vino e soprattutto di itinerari enogastronomici e Bolgheri è una delle mete che mi ripropongo di visitare prossimamente.
    Mi segno volentieri questa cantina perché facendo anche io questi giri mi rendo conto con rammarico di quanto sia difficile trovare delle cantine aperte nei weekend e proprio non capisco come mai…
    Rispetto all’estero le nostre zone vinicole sono ancora poco aperte al turismo ed è un vero peccato!

    Rispondi
    • Doriana
      Doriana dice:

      sono pienamente d’accordo con te. si fa sempre una gran fatica a trovare una cantina aperta nei weekend, giorni in cui la maggior parte delle persone ha del tempo libero da dedicare a questi giri!

      Rispondi
  5. Ale Carini
    Ale Carini dice:

    Vado pazza per la cantine e mi piace moltissimo andare a visitarle quando sono aperte!
    Hanno un fascino tutto loro e particolare .. unico davvero 🙂
    Molto carino e piacevole il vostro itinerario, anche lo stop per degustare prodotti e vino mi piace da pazzi …

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.