Quando andare a Mauritius

Mauritius: quando andare?

Quando andare a Mauritius: L’estate mauriziana

Il clima a Mauritius è mite durante tutto l’arco dell’anno. Tuttavia, nei vari blog di viaggio, si legge molto spesso che il periodo migliore in cui andare a Mauritius è quello che va da novembre a marzo. In pratica, durante il nostro inverno, proprio perchè, essendo nell’emisfero meridionale, in questi mesi a Mauritius è estate.

Cosa vedere a Francoforte in un weekend

Francoforte è una di quelle città che di solito si snobbano, preferendo altre mete del centro-nord Europa e della Germania. Prima fra tutte Berlino.
Ecco, Francoforte non è Berlino! ma è anche vero che per visitare Berlino si ha bisogno di tanti giorni, perchè i miseri 3 giorni del semplice weekend vi permetterebbero di vedere tutt’al più un quartiere della capitale tedesca.
Se avete per l’appunto solo il weekend e non sapete dove andare, secondo me Francoforte non è male come opzione.
Io ci sono stata per lavoro a febbraio, ma sicuramente durante le vacanze natalizie, quando ci sono i mercatini di natale, è ancora più bella!


Cosa vedere a Francoforte

In questo breve post vi elencherò quelle che secondo me sono le cose da fare assolutamente nel centro di Francoforte!

Siete pronti? Iniziamo.

  • Visitare la casa di Goethe
    Questa visita non può proprio mancare dalle cose da fare a Francoforte. La casa, ricostruita dopo la seconda guerra mondiale in quanto distrutta dai bombardamenti, è una ricostruzione perfetta di quella in cui il poeta ha vissuto. La visita è un salto nel passato e l’arredamento delle camere è davvero affascinante.
Cosa vedere a Francoforte
  • Visitare il quartiere del Romemberg dove si trova anche il Municipio Römer. Anche qui alcuni palazzi non sono originali, ma la ricostruzione delle case a graticcio è assolutamente perfetta. Qui si respira davvero l’aria delle città nord europee. Forse questa zona è quella che mi è piaciuta più di tutte.
Cosa vedere a Francoforte
  • Fare assolutamente una foto sotto l’Euro Tower! Questa era la sede della Banca Centrale Europea. Oggi la Banca si trova ancora a Francoforte ma in un altro edificio. Tuttavia questo palazzo resta tutt’oggi uno dei simboli dell’Unione Europea, con il simbolo dell’euro gigante che si staglia proprio di fronte a questo grattacielo. Una foto è d’obbligo!
Cosa vedere a Francoforte
  • Se vi piacciono questo genere di cose… non lasciatevi scappare la piazza della borsa di Francoforte, dove, proprio davanti al palazzo della borsa, si trovano le due statue del toro e dell’orso che simboleggiano l’andamento dei mercati finanziari. Infatti, per chi non lo sapesse, quando i prezzi della borsa salgono e il mercato è rialzista si dice in gergo che si ha un bull market (per l’appunto toro) se invece i prezzi scendono e il mercato è ribassista si dice bear market (orso).
Cosa vedere a Francoforte
  • Salire fino alla cima della Main Tower per avere una vista fantastica della città ed ammirare lo skyline di Francoforte. Questa città è un intreccio di antico e moderno. Si passa dal Teatro dell’Opera ai grattacieli in vetro in uno sguardo. Sicuramente la prospettiva da qua sopra vi farà scoprire una nuova Francoforte. Inoltre, qui avrete la possibilità anche di pranzare o cenare nel ristorante della torre, non aspettatevi però prezzi proprio alla mano!!! (qui per prenotare un tavolo)
Cosa vedere a Francoforte
  • Passeggiate lungo il fiume Meno. La vista da qui è molto suggestiva. Delle due rive, prediligete quella meridionale. Infatti su questo lato del fiume si trovano un’infinità di musei, e proprio per questo motivo si chiama Museumsufer, letteralmente la via dei musei. Qui si trova la concentrazione di musei più alta dell’intera Germania e addirittura dell’intera Europa. Troviamo musei come quello dell’architettura, delle culture mondiali, delle arti applicate, ma anche quello delle icone e delle comunicazioni. Ma se vi piacciono i musei, non lasciatevi scappare il MMK Museum che è il museo dell’arte moderna di Francoforte che possiede una collezione davvero interessante.
Cosa vedere a Francoforte
  • Se vi piace lo shopping, non potete saltare la strada dei negozi per eccellenza di Francoforte: lo Zeig. Qui tutte le marche commerciali si susseguono, con anche alcuni centri commerciali davvero interessanti. Se invece preferite l’alta moda, troverete quello che fa per voi lungo la piazza Rathenau e nelle vie limitrofe: da Luis Vuitton a Bottega Veneta a Ferragamo e molte altre grandi firme.
Cosa vedere a Francoforte
  • Perdersi per le vie del centro storico passeggiando qua e là. E non perdetevi il palazzo del teatro dell’Opera. È una struttura incantevole. Se poi tornate ad ammirarlo verso l’ora del tramonto, quando le luci saranno accese… bhè, rimarrete assolutamente incantati dalla piazza e dal palazzo. Da qui potrete poi iniziare il vostro giro addentrandovi nel centro storico e ammirando i palazzi storici che si alternano a palazzi super moderni.
Cosa vedere a Francoforte
  • Se vi piacciono i parchi, non lasciatevi sfuggire la possibilità di passeggiare immersi nel verde. Oltre ad esserci una parco che costeggia tutto il centro storico, potrete optare anche per il giardino geologico a est della città, ma raggiungibile a piedi dal centro storico oppure per il giardino botanico che si trova proprio vicino al centro. Qui c’è anche il parco Grüneburg dove è situata l’Università di Goethe – io sono stata qui per lavoro e devo ammettere che la location di questa Università è molto bella, soprattutto all’interno con un “campus” che si sviluppa all’interno del parco.

Ecco stilata la mia lista delle cose da vedere in un weekend a Francoforte. Se siete interessati a conoscere le diverse opzioni relative alle città europee adatte ad essere visitate in un weekend, leggete qui!

isole surin

ISOLE SURIN – UN TESORO NASCOSTO

Ciao a tutti, siamo Sara e Stefano, e con Doriana e Luca ci accomuna non solo la passione per i viaggi ma anche una lunga amicizia, iniziata ai tempi della scuola, che ci porta tutt’oggi a trascorrere momenti di vita privata assieme e ovviamente, quando possibile, i viaggi.

Vogliamo quindi ringraziarli per averci ospitato nel loro blog e consentito di condividere la nostra esperienza sul parco nazionale delle Isole Surin, nella speranza che questo sia solo l’inizio di una lunga collaborazione.

Vi auguriamo una buona lettura.

Sara e Stefano

isole surin

Isole Surin: come raggiungerle?

Dobbiamo essere sinceri, le Surin sono state il nostro piano B. Inizialmente la nostra intenzione era infatti quella di campeggiare alle Similan, altro paradiso Thailandese, che però, proprio quest’anno, è stato chiuso dal governo a tempo indeterminato allo scopo di preservarlo. Non volendo aderire alle solite escursioni in giornata, delle quali abbiamo letto recensioni che ci hanno fatto impallidire, ed essendo la nostra terza volta in Thailandia, abbiamo quindi optato per qualcosa al di fuori dai classici percorsi turistici. E cosa c’è di meglio di un campeggio nell’incontaminato parco nazionale delle Isole Surin? Niente. Ve lo assicuriamo…

isole surin

Il Parco nazionale delle Isole Surin – MU KO SURIN NATIONAL PARK – si trova nel mare delle Andamene, a nord dell’Isola di Phuket, quasi al confine con il Myanmar. E’ composto da 5 isole, di cui solo due sono abitate: Ko Surin Nua, che ospita gli alloggi dei ranger del parco e la zona di campeggio riservata ai visitatori, e Ko Surin Tai, dove vive il popolo dei Moken, gli zingari del mare, un’antica popolazione locale che di selvaggio ormai ha solo il nome. Le isole sono aperte da novembre ad aprile e per raggiungerle bisogna affidarsi ad agenzie private. Non sono infatti servite da alcun mezzo pubblico.

Gli speed boat compiono un’unica corsa giornaliera con partenza la mattina (08:00) e rientro nel pomeriggio (16:00), da diversi moli distribuiti sulla costa nella provincia di Phang Nga. I più noti sono Baan Nam Kem Pier, dal quale partano i mezzi gestiti dalla Seastar Andamen (www.seastarandaman.net), che è l’agenzia a cui ci siamo affidati noi, e Khuraburi Pier, dal quale partono quelli di Sabina Tour (www.sabinatour.com).

Citiamo queste due organizzazioni perché hanno praticamente il monopolio delle escursioni nell’arcipelago. Da qualsiasi agenzia acquistiate il tour o il biglietto con moltissima probabilità vi ritroverete a viaggiare su una delle loro imbarcazioni.

Dalla costa vi aspettano poi dalle 2 alle 3 ore di navigazione, la durata della traversata dipende dal porto di partenza (il più vicino è Khuraburi) e ovviamente dalle condizioni metereologiche.

isole surin

Isole Surin: come raggiungerle da Phuket

Se soggiornate a Phuket e non avete problemi di tempo, sicuramente la soluzione più economica è quella di raggiungere la zona di Khuraburi (o in alternativa di Khao Lak) con autobus o minivan, per poi imbarcarvi il giorno successivo per le Surin. Sarà sufficiente raggiungere l’aeroporto di Phuket e prendere uno dei tanti mezzi collettivi che lo collegano giornalmente alla costa di Phang Nga (costo sui 10-15€). Se invece, come noi, avete i giorni contati, allora potete affidarvi ad un tour organizzato (a partire da 70€) oppure raggiungere il molo in taxi (circa 50€ solo andata).

Isole Surin: come raggiungerle da Bangkok

Diversamente, se arrivate da Bangkok potete optare o per l’aereo, con arrivo a Phuket o Ranong, e successivo trasferimento in bus a Kuraburi o Khao Lak, oppure prendere uno dei numerosi bus notturni che collegano la capitale a Phuket controllando che sia prevista la fermata intermedia a Kuraburi (costo circa 20€).

isole surin

Isole Surin – Quando andare?

L’arcipelago ha un clima tropicale monsonico, con temperature che non scendono mai sotto i 20°C. Tuttavia, dovete sapere che è possibile visitarlo solo nei mesi da Novembre ad Aprile, ovvero durante la stagione secca, poiché in quella delle piogge, Maggio-Ottobre, è chiuso al pubblico. Noi siamo stati i primi di Dicembre ed il tempo non è stato particolarmente bello. Non è mai piovuto ma il cielo è rimasto sempre leggermente coperto. Questa condizione ha inevitabilmente impattato sui colori della vita sottomarina, che non sono risultati accesi come in presenza di giornate soleggiate. Purtroppo il tempo è una di quelle variabili sui cui non si può agire, l’unica cosa che si può fare è cercare di visitare i paesi nel periodo consigliato, che qui, secondo gli abitanti locali, è tra febbraio e marzo.

Isole Surin – Quanti giorni?

Il viaggio per arrivare alle isole Surin è piuttosto lungo, pertanto ci sentiamo di consigliare le escursioni di 1 giorno solo a coloro che partono dalla zona di Khao Lak. Se infatti partite da Phuket vi aspettano oltre 4 ore di minivan per raggiungere il molo da cui partono gli speed boat, più altre 2-3 ore per raggiungere le isole. E questo è solo il viaggio di andata. Il tutto, per restare nell’arcipelago per meno di 5 ore.

Quindi riteniamo che chi parte da Phuket deve considerare l’idea di fermarsi almeno per 2 giorni 1 notte. Giusto il tempo di spezzare il viaggio, di godere della tranquillità della spiaggia nella quasi totale solitudine e di beneficiare di uscite di snorkeling meno affollare (in media le lance non trasportano più di 10 persone). Noi personalmente riteniamo che la formula 3 giorni 2 notti sia veramente l’ideale, poiché riuscirete a godere di quasi la totalità dei punti immersione che il sito mette a disposizione.

isole surin

Se, oltre alle Surin, vi interessa scoprire l’itinerario di viaggio della Thailandia di Doriana e Luca, leggete qui!

I Templi di Angkor: consigli per visitarli in due giorni!

Cosa vedere ad Angkor in due giorni?  non è una domanda semplice a cui rispondere! Infatti ci sono tantissimi templi da vedere e una selezione è d’obbligo.

Continua a leggere
Itinerario Vietnam e Cambogia

Itinerario Vietnam e Cambogia

Il Vietnam era da tempo un mio sogno. Dopo aver visitato la Thailandia (qui i nostri post) e l’Indonesia (qui i nostri post su questo splendido paese), volevamo conoscere anche la cultura vietnamita!

Decidiamo quindi per un tour di due settimane in questo paese che tanto ci intriga, a cui aggiungiamo una breve tappa in Cambogia e qualche giorno di mare in Thailandia.

Continua a leggere

Alla scoperta di Canary Wharf

Cosa vedere a Canary Wharf?

Questa zona di Londra è in genere poco frequentata dai turisti, che preferiscono concentrarsi nella zona 1 della capitale inglese.
Tuttavia, se avete molto tempo o non è la prima volta che venite a Londra, potreste concedervi un pomeriggio alla scoperta di questo quartiere di Londra.

Quindi, di seguito vi propongo qualche idea su cosa fare e cosa vedere a Canary Wharf.

Continua a leggere

Japan Rail Pass: Come muoversi in Giappone

Una delle domande che ci si pone prima di partire per il Sol Levante è “Quali mezzi di trasporto devo usare?”, “Come mi sposto da una città all’altra?” e “Il Japan Rail Pass è utile?”. A mio avviso non c’è alcuna necessità di prendere voli interni, ma è molto più comodo ricorrere ai treni che sono tendenzialmente molto puntuali e offrono tutte le comodità per un viaggio anche a lunga percorrenza.

Continua a leggere

cosa vedere a Bolgheri

Bolgheri: cantine, vino e paesaggi incantevoli

Ogni anno Luca ed io visitiamo almeno una cantina e acquistiamo almeno tre vini rossi da conservare nella nostra cantinetta per degustarli in occasioni per noi speciali. E’ questa una nostra tradizione che ci porta alla scoperta di luoghi bellissimi e cantine davvero molto interessanti. Continua a leggere

Città e Capitali europee: quali scegliere e quando andare?

L’autunno è iniziato e questo è forse il miglior periodo per regalarsi dei lunghi weekend alla scoperta delle più belle città europee… si ma dove andare?
Le città europee sono davvero tutte bellissime, ma a mio avviso bisogna sceglierle sulla base delle esigenze e del tempo a disposizione. Per questo motivo, in questo breve post proverò a darvi qualche consiglio su dove andare e perchè scegliere le diverse città.

Continua a leggere

Dome GoPro: come scattare una foto metà sotto e metà sopra l’acqua

Si lo so, sono un po’ discontinuo con la mia sezione “tecnologia in viaggio“… però come promesso durante il viaggio alle Mauritius, oggi vi racconterò della mia prima esperienza con il Dome per GoPro.

Sono in possesso di una GoPro Hero 4 Black che porto sempre con me in ogni viaggio, sia nelle località di mare che non. La ritengo un’ottima compagna di viaggio che mi consente di fare buoni video occupando un piccolo spazio.

Continua a leggere